Agricoltura 4.0: la tecnologia c’è, ora tocca agli agricoltori

Le soluzioni tecnologiche per trasformare il comparto agroalimentare ci sono, ma sono poche le realtà veramente digitali, la maggior parte delle aziende è indietro

Il mondo dell’agricoltura è oggi messo sotto pressione: deve fornire sostentamento a una popolazione sempre più numerosa, deve farlo diventando più sostenibile e deve essere in grado di rispondere in modo efficace ai cambiamenti climatici che negli ultimi anni stanno creando molti problemi. La tecnologia e la ricerca, per fortuna, possono aiutare a trovare delle soluzioni a tutti questi problemi, spingendo il mondo dell’agricoltura, della zootecnia e della trasformazione verso un nuovo modo di lavorare. Purtroppo tutto il comparto fatica a iniziare questo percorso, nonostante gli incentivi che sono stati messi a disposizione con il piano Transizione 4.0 negli ultimi anni. «Nel 2023 – ha spiegato Andrea Bacchetti, direttore dell’Osservatorio Smart Agrifood del Politecnico di Milano – abbiamo assistito a una forte crescita del mercato, ma anche a un incremento più modesto della superficie coltivata con tecnologie digitali e delle aziende che applicano concretamente almeno una tecnologia. Chi storicamente ha già investito nel digitale per l’agrifood raggiunge risultati positivi e quindi prosegue a investire in maniera ancora più intensa, ma nuove aziende faticano a fare il primo passo». Il mercato dell’Agricoltura 4.0 è in crescita, ma dalla ricerca realizzata e presentata poche settimane fa dall’Osservatorio Smart Agrifood e del Laboratorio Rise (Research & Innovation for Smart Enterprises) dell’Università degli Studi di Brescia è emerso che la spesa cresce: ha raggiunto nel 2023 i 2,5 miliardi di euro (+19% rispetto al 2022). Tuttavia gli investimenti non hanno portato a un aumento della superficie coltivata con tecnologie digitali, che continua a essere modesta, ed è passata dall’8% del 2022 al 9% del 2023. Il 72% delle aziende agrarie italiane utilizza almeno una soluzione di Agricoltura 4.0, valore rimasto pressoché invariato rispetto al 2022: questo dato conferma che sono pochi i nuovi “adepti”.

Gli investimenti inseguono gli incentivi 

In questo ultimo anno la distribuzione della spesa è cambiata a causa della riduzione degli incentivi statali su macchinari connessi e sistemi di monitoraggio e controllo dei mezzi: fanno ancora la parte del leone, ma stanno crescendo gli investimenti in soluzioni software che permettono di interconnettere la parte hardware e di analizzare i dati raccolti. In particolare l’11% della spesa è data da software gestionali e Fmis (Farm management information systems), l’8% da piattaforme di integrazione dati, un altro 8% da sistemi di mappatura di coltivazioni e terreni, e il 5% da Dss (Software di supporto alle decisioni). «Nell’ultimo anno temperature primaverili sotto la media, ondate di calore estive, eventi alluvionali estremi hanno messo a dura prova il settore agricolo – ha sottolineato Chiara Corbo, direttrice dell’Osservatorio Smart AgriFood –. In questo contesto, l’innovazione digitale ha continuato a dimostrare il suo ruolo nel rendere più sostenibile, efficiente e competitivo il settore. Abbiamo analizzato diversi casi che lo dimostrano: per esempio, le soluzioni di irrigazione di precisione possono consentire di meglio stimare le esigenze irrigue delle colture aumentando le rese, come si è verificato in un caso in Portogallo dove le rese del mais sono aumentate quasi del 30%. Oppure l’utilizzo dei Dss può consentire di impiegare in maniera più razionale gli input tecnici: in un’applicazione in vigneto in Italia, ad esempio, il risparmio di agrofarmaci è stato del 35% circa». Dai dati della ricerca emerge un mercato dinamico, specialmente sul fronte delle soluzioni legate ad Agricoltura 4.0 che sono cresciute del 10%, come i provider tecnologici che le offrono (+13%). Sono il 20% le startup che operano in questo settore e queste ultime sono spesso focalizzate su tecnologie di frontiera, come l’Intelligenza Artificiale, Machine Learning e robotica.

Comparto agricolo spaccato in tre segmenti 

Però non è tutto oro quel che luccica: solo l’8% delle aziende agricole del campione della ricerca può essere considerata “matura” a livello digitale. Il 50% si trova ancora “in cammino”, mentre il restante 42% è in forte ritardo nel percorso di adozione delle soluzioni di Agricoltura 4.0 o addirittura fermo. Da questa ricerca emerge come il mondo dell’agricoltura italiano sia spaccato in tre segmenti: quelli che puntano alla trasformazione digitale, quelli che ci stanno provando e quelli che oltre al minimo indispensabile non fanno nulla. Il rischio reale è di trovarsi spiazzati di fronte a situazioni esterne, in particolare quelle climatiche, o normative che possono stravolgere il mercato: essere capaci di rispondere in modo rapido è fondamentale, specialmente in agricoltura dove la perdita della stagione può avere effetti negativi su tutta la filiera sino ai consumatori.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

LEGGI ANCHE

Gli ultimi articoli