Sicurezza: l’approccio di Vectra AI agli attacchi basati su GenAI

Vectra AI ha ampliato la propria piattaforma per combattere gli attacchi cybernetici avanzati che sfruttano l'intelligenza artificiale generativa

Vectra AI ha annunciato un’importante espansione della propria piattaforma, mirata a rafforzare la protezione delle aziende contro le nuove minacce generate dall’uso diffuso di strumenti di intelligenza artificiale generativa (GenAI). Con un approccio innovativo basato sull’intelligenza artificiale comportamentale, la Vectra AI Platform si propone di difendere le organizzazioni dagli attacchi sempre più sofisticati che sfruttano la GenAI.

Vectra AI Platform utilizza tecniche avanzate di intelligenza artificiale e machine learning per individuare e neutralizzare le minacce su una varietà di superfici di attacco, tra cui reti, identità, cloud e GenAI. L’attacco Signal Intelligence della piattaforma è progettato per classificare, correlare e dare priorità alle minacce con un alto livello di precisione, permettendo agli analisti del Security Operation Center (SOC) di isolare e contenere attacchi reali in tempi rapidi.

In particolare, la piattaforma ora include capacità specifiche per rilevare attacchi che sfruttano strumenti GenAI come Microsoft Copilot. Tra le funzioni di rilevamento, ci sono il monitoraggio degli accessi sospetti, la scoperta di dati e le tecniche di attacco jailbreak. La piattaforma è anche in grado di correlare i rilevamenti di GenAI con identità digitali su piattaforme come Microsoft 365 e AWS, integrando dati di superfici di attacco diverse per indagini rapide ed efficaci.

Con l’aggiornamento, Vectra AI non solo migliora la capacità degli analisti di rispondere agli attacchi, ma facilita anche l’adozione di azioni di risposta automatizzate per bloccare gli host e gli account compromessi, offrendo una copertura completa contro gli attacchi emergenti.

Sicurezza: l'approccio di Vectra AI agli attacchi basati su GenAI, Sicurezza: l’approccio di Vectra AI agli attacchi basati su GenAI
Jeff Reed, Chief Product Officer di Vectra AI

Secondo Jeff Reed, Chief Product Officer di Vectra AI “oltre il 40% dei clienti di Vectra AI che si occupano di identità ha iniziato ad adottare Microsoft Copilot per M365 nella propria azienda. Questa nuova espansione della piattaforma Vectra AI aiuta gli analisti del SOC a proteggere le identità e a fermare gli attaccanti che abusano degli strumenti di GenAI”.

La Vectra AI Platform offre:

  • rilevamento e copertura degli attacchi di GenAI che sfruttano Microsoft Copilot, compresi gli accessi sospetti, la data discovery e le tecniche di attacco jailbreak;
  • correlazione e attribuzione dei rilevamenti di GenAI con le identità di Microsoft Entra ID, Microsoft 365, AWS e Active Directory;
  • prioritizzazione dei rilevamenti di Microsoft Copilot GenAI con i rilevamenti in rete (Vectra NDR), identità (Vectra ITDR) e cloud (Vectra CDR);
  • integrazione dei metadati tra le superfici di attacco di rete, identità, cloud e GenAI per indagini immediate e avanzate;
  • azioni di risposta native, automatizzate e gestite per bloccare gli host e gli account coinvolti nell’attacco.
Sicurezza: l'approccio di Vectra AI agli attacchi basati su GenAI, Sicurezza: l’approccio di Vectra AI agli attacchi basati su GenAI
Hitesh Sheth, fondatore e CEO di Vectra AI

“Da oltre un decennio Vectra AI è all’avanguardia nell’impiego dell’Intelligenza Artificiale per contrastare le minacce informatiche avanzate ed emergenti. La nostra missione è stata e sarà sempre quella di fornire il segnale di attacco più accurato in velocità e su scala, consentendoci di trovare e identificare attacchi che altre soluzioni non sono in grado di individuare – ha dichiarato Hitesh Sheth, fondatore e CEO di Vectra AI -. Con un numero sempre maggiore di aziende che utilizzano strumenti di GenAI per incrementare la produttività dei dipendenti, i team SOC si trovano ad affrontare una nuova superficie di attacco, una superficie che può essere protetta solo con l’AI. Le nostre nuove capacità di rilevamento guidate dall’AI e specifiche per gli attacchi di GenAI consentono ai team SOC di combattere l’AI con l’AI, permettendo loro di operare alla stessa velocità e allo stesso livello degli attaccanti”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

LEGGI ANCHE

Gli ultimi articoli