Nuove applicazioni  di machine learning per i database e la cybersecurity nell’offerta cloud di Oracle.

A introdurle è stato Larry Ellison, Executive Chairman and CTO di Oracle, durante il suo discorso di apertura di Oracle OpenWorld, evento in programma dal 1 al 5 ottobre a San Francisco.

In particolare, Ellison ha presentato Oracle Autonomous Database Cloud, un nuovo modello di database pensato per sfruttare al meglio le funzionalità di machine learning per eliminare molte delle attività manuali necessarie per la gestione di un database.

Il nuovo database “autonomo” di Oracle provvede a effettuare gli upgrade, applicare le patch e ottimizzare il funzionamento in modo automatico.

In tal modo, Oracle conta di ridurre notevolmente il margine di errore dovuto all’intervento umano e, conseguentemente, di portare a meno di 30 minuti all’anno i tempi di inattività pianificati e non pianificati.

“L’Autonomous Database si basa sul machine learning, la più importante nuova tecnologia a comparire sul mercato da molto tempo – ha dichiarato Ellison -. Il database automaticamente effettua il provisioning di sé stesso, si aggiorna, applica le patch, esegue il backup e si ottimizza mentre opera. E poiché non c’è intervento umano, non c’è errore umano”

Sicurezza e machine learning insieme in Oracle Management Cloud

Il modello di autoapprendimento si integra anche in alcune nuove applicazioni automatizzate per la sicurezza informatica in grado di rilevare e porre rimedio agli attacchi in tempo reale.

Le nuove funzionalità di sicurezza potenziate con strumenti di machine learning costituiscono parte integrante dei miglioramenti di Oracle Management Cloud, la soluzione integrata che consente di monitorare e analizzare i dati operativi e di sicurezza all’interno di un’unica soluzione.

Il modello architetturale unificato fornito da Oracle Management Cloud include la gestione di topologia, associazioni, telemetria e minacce. Inoltre, fornisce anche capacità integrate di correzione automatizzata pensate per ridurre gli effetti degli errori umani.

Oracle ha anche annunciato la disponibilità di una suite nativa in cloud dedicata alla gestione intelligente di sistemi e sicurezza costituita dai servizi integrati Oracle Identity Security Operations Center (SOC) e Oracle Management Cloud, al fine di prevedere, ridurre, rilevare e risolvere le minacce alla sicurezza informatica.

“Gli approcci esistenti alla sicurezza e alla gestione non sono più sufficienti, ed è questa la ragione per cui i titoli dei giornali sono pieni di violazioni di sicurezza e interruzioni di prestazioni – ha dichiarato Ellison -.

La nostra visione per la sicurezza e la gestione è molto semplice.

Abbiamo bisogno di avere tutti i dati in un unico posto.

Abbiamo bisogno di funzioni specifiche di apprendimento automatico che possano essere utilizzate da professionisti della sicurezza e delle operazioni e non da “data scientist”.

Abbiamo bisogno di sistemi automatici di “remediation” che non richiedano alcuno sforzo umano.

E questo è ciò che abbiamo costruito con Oracle Management Cloud “.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.