Cloud computing servizi e multi-cloud

Il passaggio dal cloud ibrido al multicloud sarà inizialmente concentrato su servizi specifici aggiunti a cloud privati e/o pubblici che saranno via via aggiornati.

Dopo un decennio di crescita al 30% annuo, terminato a fine 2022 con un fatturato di 446 miliardi di dollari, nei prossimi anni la crescita del cloud sarà dura. È questa la previsione di Forrester, che viene giustificata principalmente da effetti di concorrenza tra grandi operatori, che devono competere anche sull’innovazione.

Lotta per il dominio

La lotta tra i quattro maggiori fornitori di cloud pubblico aumenta a dismisura gli investimenti in analisi, AI/ML e altri servizi premium. Il mercato continuerà comunque a crescere molto, circa il 20% l‘anno. Forrester stima quindi che il mercato raddoppierà entro il 2026, superando quota mille miliardi di dollari. La metodologia aggiornata del report Forrester si allontana definitivamente dal modello “as a service” per concentrarsi sui servizi di infrastruttura cloud, database cloud e servizi di analisi, servizi di sviluppo cloud e applicazioni. L’infrastruttura, che è un altro punto di differenziazione, è una quota importante delle entrate, non del profitto.  Gli enormi investimenti richiesti per competere al massimo livello giustificano che le quote di mercato maggiori siano di Alibaba, AWS, Google e Microsoft. Nel frattempo, l’infrastruttura cloud di base è sempre più standardizzata sul progetto Kubernetes open source, spingendo i grandi fornitori (gli hyperscaler) a innovare più in alto nello stack.

Cloud computing. Ibrido e servizi

Il cloud computing ha rivoluzionato il modo in cui le aziende e gli utenti finali consumano e gestiscono le risorse informatiche. La possibilità di accedere a servizi on demand ha portato a un’esplosione di nuove opportunità per le aziende di tutte le dimensioni. 

Oggi solo una percentuale trascurabile di organizzazioni, meno dello 0,5%, non distribuisce affatto applicazioni nel cloud pubblico. Già nel 2022 (dati Osterman) il 95% delle organizzazioni utilizza almeno due tipi di infrastruttura e quasi la metà delle organizzazioni distribuisce applicazioni su quattro o più piattaforme diverse.

C’è ancora una forte inerzia sul cloud ibrido, al quale il mercato si rivolge. Tante aziende preferiscono una strategia morbida che consideri l’ibrido prima del multicloud, mentre i numeri sono forti sul multi e anzi vedono un’avanguardia di servizi che superi entrambi i paradigmi. Al di là dei pionieri, che già usano questa tecnologia, anche le organizzazioni avvedute ma non avanguardistiche si stanno spostando sempre più verso il multi-cloud. 

Il Multicloud

Il multi-cloud è un approccio che prevede la fruizione di più servizi cloud da parte di una singola organizzazione. È una scelta successiva al primo dilemma tra cloud pubblico, cloud privato e on-premises, ma anche al secondo passo, l’ibridazione dei cloud.

Sul mercato sono disponibili offerte da tutti i vendor tradizionali, che però non si equivalgono né per prestazioni, né per calcolo dei costi. Inoltre non c’è neanche compatibilità, per cui spostare dei carichi di lavoro da un cloud a un altro, al verificarsi di particolari condizioni tecniche o commerciali, non è per nulla facile.

Inoltre prende sempre più piede l’importanza dell’aderenza alle varie normative in vigore in specifici Stati di varie dimensioni o di aree geografiche estese. In particolare l’Europa, dove vige il GDPR, richiede attenzioni superiori a quelle di aree come il Nordamerica.

Oltre all’adesione alle politiche locali, la distribuzione geografica delle richieste di elaborazione possono avere specificità particolari: l’esecuzione su un’unità cloud fisicamente vicina riduce la latenza e semplifica le prime azioni in caso di disaster recovery.

LEGGI ANCHE: Agile e DevOps: i modelli per uno sviluppo collaborativo

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

LEGGI ANCHE

Gli ultimi articoli

Iscriviti alla newsletter di bizzIT

OGNI 15 GIORNI, nella tua posta elettronica, il resoconto delle notizie dedicate al mondo ICT B2B e al CANALE, con approfondimenti tecnici, editoriali e interviste.