Il DDoS rialza la testa: come restare resilienti

Secondo i recenti dati di Clusit, il Distributed Denial of Service nel 2023 è stata la più rilevante tecnica di attacco in Italia. Attraverso un mix di tecnologia avanzata, Intelligenza Artificiale e supporto, OpenText Cybersecurity fornisce gli strumenti per rendere le aziende resilienti a questo tipo di minaccia

Il fenomeno degli attacchi DDoS (Distributed Denial of Service) continua a rappresentare una delle minacce più pressanti nel panorama della cybersecurity a livello globale. Ricordiamo che gli attacchi DDoS sfruttano botnet costituite da decine di migliaia di dispositivi, in grado di generare richieste verso uno specifico target con l’obiettivo di sovraccaricare in poco tempo le risorse di un sistema informatico, rendendolo inaccessibile agli utenti legittimi. 

DDoS è la principale tecnica di attacco in Italia

Secondo il recente rapporto pubblicato dal Clusit, l’associazione italiana per la sicurezza informatica, l’intensità e la frequenza di questi attacchi in Italia hanno seguito un trend preoccupante tanto da rappresentare, oggi, la principale tecnica di attacco del nostro Paese (36% degli attacchi totali). 

L’escalation di questi attacchi si sta manifestando non solo in termini di volumi ma anche di sofisticazione, con gli attaccanti che dispongono di botnet sempre più potenti e capaci di generare traffico malevolo a livelli senza precedenti. Questi dati evidenziano la necessità di rafforzare le strategie di difesa e le capacità di risposta delle infrastrutture critiche e delle aziende in un’ottica di cyber resilienza.

Il DDoS rialza la testa: come restare resilienti, Il DDoS rialza la testa: come restare resilienti
Pierpaolo Alì
Director Southern Europe, France, Belgium
& Luxemburg di OpenText Cybersecurity

“Gli attacchi DDoS hanno il potenziale di paralizzare un’azienda e le sue operazioni – spiega Pierpaolo Alì, Direttore Southern Europe di OpenText Cybersecurity -. Per rimanere produttive e redditizie le aziende hanno bisogno di un accesso sempre attivo ai dati critici. Se le aziende e i loro dipendenti non possono accedere ai dati, elaborarli e condividerli, non possono lavorare in modo efficace, servire i clienti o generare profitti. La risposta non è pensare di riuscire a restare sempre inviolati ma, invece, predisporre le condizioni per proseguire le attività di business anche mentre si sta subendo un attacco”.

Tra le vittime privilegiate di questi attacchi, si trovano spesso enti governativi, istituzioni finanziarie, aziende operanti nel settore dell’e-commerce e fornitori di servizi Internet. La scelta di questa tipologia di entità non è casuale, in quanto interruzioni del servizio in questi ambiti possono avere ripercussioni economiche significative e minare la fiducia degli utenti.

Per far fronte a queste minacce le aziende italiane sono chiamate a implementare strategie di mitigazione sempre più avanzate, che prevedano l’utilizzo di soluzioni tecnologiche all’avanguardia e la formazione di personale specializzato nella gestione di questo tipo di attacchi. Solo attraverso un impegno coordinato e ad ampio spettro diventa possibile garantire la continuità operativa.

Le soluzioni di OpenText Cybersecurity per contrastare gli attacchi DDoS

OpenText Cybersecurity, azienda leader nel campo della sicurezza informatica, offre una gamma di soluzioni progettate per affrontare specificamente la sfida degli attacchi DDoS, sfruttando tecnologie all’avanguardia e approcci innovativi per assicurare la continuità operativa e la cyber resilienza.

Le soluzioni di cyber resilience di OpenText consentono alle organizzazioni di tutte le dimensioni di prepararsi, rispondere e riprendersi dagli attacchi e dalle interruzioni informatiche introducendo il monitoraggio continuo delle minacce, il controllo e la difesa dei contenuti, la protezione completa degli endpoint, la difesa dall’esfiltrazione dei dati, le indagini remote ininterrotte e il backup e il ripristino automatizzati nel cloud.

Le soluzioni di OpenText Cybersecurity offrono un approccio olistico e integrato per la protezione delle aziende dagli attacchi DDoS, che coprono tutto il ciclo di vita della sicurezza informatica. 

Tra i prodotti in primo piano offerti da OpenText troviamo EnCase Endpoint Security, la soluzione per la protezione e la gestione sicura degli endpoint.

Anche i prodotti della famiglia NetIQ abbracciano una serie di funzionalità cruciali per la gestione sicura delle identità e degli accessi, al fine di proteggere le infrastrutture IT da accessi non autorizzati e contribuire, così, a garantire la resilienza organizzativa e a prevenire gli attacchi DDoS.

Le soluzioni OpenText Voltage aiutano, invece, le aziende a minimizzare il rischio di attacchi DDoS attraverso tecnologie di cifratura dei dati end-to-end, di mascheratura e la gestione del consenso, impedendo agli attaccanti di accedere e leggere i dati compromessi durante un attacco.

Infine, Aviator Cybersecurity fornisce funzioni avanzate di rilevamento delle minacce basato su AI e ML che migliorano la postura di sicurezza e offrono una difesa efficace dalle minacce informatiche, inclusi gli attacchi DDoS.

OpenText Cybersecurity propone anche servizi di consulenza e formazione, volti a rafforzare la resilienza delle organizzazioni di fronte agli attacchi DDoS. Questi servizi sono progettati per aiutare le aziende a sviluppare strategie di sicurezza informatica personalizzate, che tengano conto delle specifiche esigenze e vulnerabilità di ciascuna entità. 

“Le soluzioni di OpenText Cybersecurity rappresentano un elemento fondamentale nella lotta contro gli attacchi DDoS in Italia – conclude Pierpaolo Alì -. Attraverso un mix di tecnologia avanzata, intelligenza artificiale e di supporto da parte dei nostri esperti in sicurezza informatica, mettiamo a disposizione delle organizzazioni di ogni tipo gli strumenti necessari per difendersi da minacce sempre più sofisticate garantendo, al contempo, la continuità delle operazioni e la protezione dei dati sensibili. In un panorama in cui la sicurezza informatica diventa sempre più centrale, l’approccio integrato e proattivo di OpenText Cybersecurity rappresenta, pertanto, una risposta abilitante per la resilienza digitale delle aziende italiane”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

LEGGI ANCHE

Gli ultimi articoli