Ottimizzare la sicurezza cloud: gli 8 errori comuni da evitare

Nonostante la consapevolezza e la necessità di sicurezza IT abbiano raggiunto il giusto livello di considerazione, molte aziende continuano a commettere errori comuni e ricorrenti legati al cloud nei vari processi.

Evita errori sicurezza cloud, Ottimizzare la sicurezza cloud: gli 8 errori comuni da evitare
Marco Rottigni, Technical Director di SentinelOne per l’Italia

Le aziende sono sempre più consapevoli della necessità di maggiore sicurezza nel cloud. Tuttavia, i rischi legati alla security cloud continuano a evolvere, spingendo i responsabili della sicurezza ad affrontare sfide sempre più complesse. In questo articolo, Marco Rottigni, Technical Director di SentinelOne per l’Italia, ci illustra come evitare gli 8 errori nella sicurezza cloud per le aziende.

Errore n° 1: Configurazione Errata delle Risorse Cloud

Uno degli errori più comuni è quello di lasciare le risorse del cloud, come i bucket di archiviazione o i database, accessibili pubblicamente senza controlli di sicurezza. Questo può accadere quando le risorse cloud non sono configurate correttamente.

Best Practice

  • Revisioni periodiche della configurazione della sicurezza
  • Utilizzo di IAM (Gestione delle Identità e degli Accessi)
  • Monitoraggio delle risorse cloud per rilevare attività insolite o accessi non autorizzati

Errore n° 2: Esposizione di Chiavi di Accesso e Credenziali

L’esposizione di informazioni riservate è un rischio che tutte le aziende devono evitare. Spesso si memorizzano tali informazioni in testo normale o integrati nel codice, che può comportare l’accesso a persone non autorizzate alle risorse del cloud.

Best Practice

  • Gestione dei codici segreti in modo sicuro
  • Evitare di conservare i dai segreti in chiaro o di codificarli nel codice
  • Limitare l’accesso ai dati
  • Sostituire regolarmente le informazioni riservate
  • Monitorare l’uso delle informazioni

Errore n° 3: Mancato utilizzo dell’autenticazione a più fattori (MFA)

L’autenticazione a più fattori (MFA) è un metodo essenziale per proteggere le tue risorse cloud. Seguire le migliori policy per l’utilizzo dell’MFA è essenziale per evitare accessi non autorizzati.

Best Practice

  • Abilitare l’MFA per tutti gli utenti
  • Utilizzare una soluzione MFA affidabile
  • Educare gli utenti sull’utilizzo dell’MFA
  • Monitorare l’utilizzo dell’MFA

Errore n° 4: Mancanza di controlli sugli accessi

Una gestione efficace delle risorse cloud richiede procedure di controllo degli accessi chiare e definite. Se le organizzazioni non avviano policy adeguate rischiano di rendere le risorse del cloud più vulnerabili agli accessi non autorizzati, causando potenzialmente violazioni dei dati, compromissione delle informazioni sensibili e altri danni di lunga durata.

Best Practice

  • Implementare l’IAM
  • Applicare il principio del minimo privilegio (PoLP)

Errore n° 5: Mancanza di backup dei dati

La mancanza di una strategia di backup è un errore comune in materia di sicurezza del cloud. Grazie a una buona strategia di backup, le aziende hanno maggiori possibilità di ottenere la continuità del servizio, potendo contare su dati di backup di buona qualità.

Best Practice

  • Identificazione dei dati essenziali
  • Utilizzare una soluzione affidabile di backup
  • Test regolari dei backup
  • Crittografia dei backup

Errore n° 6: Trascurare le patch e gli aggiornamenti dei sistemi

I sistemi obsoleti sono più suscettibili alle infezioni da malware e spesso presentano vulnerabilità note che possono essere sfruttate dagli attaccanti.

Best Practice

  • Approccio al patch management basato sul rischio
  • Stabilire un inventario di base
  • Categorizzare e raggruppare le risorse in base al livello di priorità e rischio

Errore n° 7: Mancanza di monitoraggio continuo

Senza un monitoraggio continuo, potenziali incidenti di sicurezza e vulnerabilità possono passare inosservati per lunghi periodi, consentendo agli aggressori di sfruttare i punti deboli senza essere scoperti.

Best Practice

  • Implementare una soluzione Extended Detection and Response (XDR)
  • Monitorare registri ed eventi
  • Impostare gli alert
  • Sfruttare AI e Machine Learning per il rilevamento delle minacce
  • Impostare un programma maturo di rilevamento delle minacce

Errore n° 8: Mancata crittografia dei dati aziendali sensibili

I dati non crittografati sono altamente suscettibili di accesso non autorizzato. Se un aggressore accede a dati non criptati, può facilmente leggerli, copiarli o modificarli senza lasciare alcuna traccia.

Best Practice

  • Crittografia in transito e crittografia lato client e server
  • Crittografia a livello di database e applicazione

Conclusioni

Una risposta efficace ai rischi legati al cybercrime arriva da SentinelOne che ha sviluppato la piattaforma Singularity Cloud Workload Security, una soluzione completa per proteggere i workload in ambienti cloud diversificati, da AWS ad Azure e Google Cloud.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

LEGGI ANCHE

Gli ultimi articoli