Cohesity, vuole essere il partner per gestire i dati

Dopo l’accordo con Veritas, Cohesity ha un portafoglio completo di soluzioni per la gestione e protezione dei dati aziendali. Ha stretto partnership con Amd, Ibm e Nvidia per rendere l’offerta sempre più ampia. Con Cohesity Gaia si potrà “parlare con i dati” grazie all’AI

Il 2024 per Cohesity si è aperto con il botto, con la notizia dell’accordo con Veritas per acquisirne le attività di data protection. Un passo che porta Cohesity a rafforzare la sua posizione nel mercato della protezione e gestione dei dati potenziate con l’AI.

Olivier Savornin, group vice president Emea di Cohesity
Olivier Savornin, group vice president Emea di Cohesity

A distanza di pochi mesi da questo annuncio Olivier Savornin, group vice president Emea di Cohesity, ha fatto il punto della situazione, durante un incontro con la stampa italiana, sottolineando come questo accordo ha generato una delle principali realtà nel settore della gestione e protezione dei dati, con una quota del 14% circa, attualmente parcellizzato in molte società, situazione che mette in difficoltà le aziende che devono destreggiarsi in questa miriade di offerte. Cohesity e Veritas, secondo Savornin, hanno ora un portafoglio di offerte completo, in grado di offrire soluzioni a livello Enterprise capaci di soddisfare tutte le esigenze dal Legacy alle ultime innovazioni. Un matrimonio che vale, a livello mondiale, oltre 10mila clienti e più di 3000 partner, con il 96% delle società nella Fortune 100 e l’80% delle Global 500 che adottano queste tecnologie. In Italia la struttura diventerà tre volte più grande, a dimostrazione dell’importanza che il mercato italiano ha per Cohesity.

Accordi con Amd, Ibm e Nvidia

Le soluzioni di questa società americana hanno attirato l’attenzione di Nvidia e Ibm come finanziatori strategici, una operazione che ha portato Cohesity DataProtection a diventare parte integrante della soluzione Storage Defender Solution di Ibm; con Nvidia, invece, si lavorerà sulla parte di AI e i microservizi Nvidia Nim entreranno a far parte della soluzione Cohesity Gaia Platform. In questo inizio di 2024 è stato stretto un ulteriore accordo con Amd: Cohesity Data Cloud ora supporta i server basati su Cpu Amd Epyc.

Gaia per parlare con i dati

Manlio De Benedetto, Senior Director Sales Engineering EMEA di Cohesity
Manlio De Benedetto, Senior Director Sales Engineering EMEA di Cohesity

La soluzione Cohesity Gaia vuole portare l’utilizzo dell’intelligenza artificiale nella gestione dei dati a un altro livello, come ha spiegato Manlio De Benedetto, senior director systems engineering di Coheity. Si tratta, infatti, di una soluzione in grado di sfruttare al massimo i dati aziendali, consentendo “di parlare con loro”. È una Rag (Retrieval augmented generation) AI, sviluppata per non avere “allucinazioni” in quanto il suo addestramento avviene solo sui dati posseduti dall’azienda. Nel giro di pochi minuti è possibile interrogare Gaia, attraverso una semplice interfaccia stile chat, e ottenere una risposta frutto dell’analisi di tutti i dati, anche i secondari, presenti nei sistemi aziendali, da quelli cloud a quelli on premise. Per la realtà americana Gaia rappresenta uno strumento molto potente per svolgere analisi, anche molto particolari, in tempi molto brevi e in massima sicurezza. Scoprire chi ha ordinato un determinato componente, il grado di soddisfazione, le eventuali lamentele, per esempio, con l’AI di Gaia sarà questione di pochi minuti e saranno analizzati anche i secondary data per arricchire ulteriormente la risposta.

Sicurezza, pronti per le nuove norme Cohesity sta lavorando molto sul fronte sicurezza e segue con attenzione l’evolversi della normativa europea in questo settore. Per le aziende e il mondo finanziario le norme Dora (Digital Operational Resilience Act) e Nis 2 saranno il faro per aumentare il livello di sicurezza delle proprie strutture. I ransomware continuano a imperversare, per i cybercriminali sono soldi facili, e le aziende devono essere in grado di annullare i rischi di danni. Le soluzioni Cohesity permettono sia di essere conforme alle nuove norme, ma anche di ridurre i rischi di errori umani nella gestione dei sistemi, come per esempio nel regolamentare gli accessi ai dati. L’obiettivo di Cohesity è offrire al mercato soluzioni con la massima resilienza, capaci di annullare gli effetti di ransomware o attacchi wiper nel minor tempo possibile.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

LEGGI ANCHE

Gli ultimi articoli