Application Portfolio Management: la chiave per una moderna gestione IT

Il sistema APM fornisce preziose informazioni sulle prestazioni delle applicazioni e sui trend di utilizzo, offrendo una migliore comprensione di come gli investimenti IT si sono evoluti nel tempo.

L’Application Portfolio Management (APM) rappresenta una soluzione innovativa per le aziende di oggi, offrendo una chiara panoramica delle applicazioni software IT. Ma in cosa consiste e quali vantaggi apporta?

Cos’è l’APM?

L’APM è un framework progettato per identificare e gestire tutte le applicazioni software all’interno di un’organizzazione. Il suo scopo principale è monitorare l’utilizzo, la frequenza e gli utenti di ogni applicazione. In un’epoca caratterizzata da un continuo incremento delle applicazioni aziendali, l’APM diventa essenziale per comprendere le dinamiche interne e il loro impatto sulla produttività.

Gestione Applicazioni Efficienza Innovazione, Application Portfolio Management: la chiave per una moderna gestione IT
Loris Garello, Marketing Manager di Mega International

Insieme a Loris Garello, Marketing Manager di Mega International, abbiamo analizzato i principali vantaggi dell’APM.

Visibilità e controllo: La crescita esponenziale delle applicazioni, spesso dovuta a fusioni, acquisizioni e globalizzazione, ha creato un panorama IT complesso e ridondante. L’ Application Portfolio Management viene quindi in aiuto alle aziende per realizzare un inventario delle applicazioni sotto diverse prospettive, quali il ciclo di vita, i costi, le implementazioni o le funzionalità aziendali che esse supportano. I responsabili del portafoglio IT possono inoltre collegare le applicazioni a tecnologie e funzionalità aziendali per analizzare l’impatto di un asset IT sul business ed eseguire analisi “what-if” per operare eventuali interventi di razionalizzazione. Questo si traduce in un’inventario completo delle applicazioni facilitando l’approccio a nuovi progetti di business.

Riduzione dei costi e maggiore agilità: Grazie alle dashboard dell’APM, le aziende possono ottenere informazioni dettagliate sullo stato del loro portfolio IT. In riferimento ai cicli di vita delle applicazioni è possibile ottenere informazioni su quando verranno ritirate o sostituite da un’altra versione. Attraverso l’analisi dei flussi di dati tra applicazioni, si può comprendere l’impatto della rimozione di un’applicazione o la possibilità di scambiare dati con un’altra. Ma il vero valore di una pratica APM risiede soprattutto nella prospettiva aziendale. Gli strumenti dell’Application Portfolio Management includono anche questionari attraverso cui gli utenti aziendali possono fornire feedback riguardo l’utilizzo delle applicazioni. Le dashboard evidenziano potenziali incongruenze, e aiutano a pianificare meglio la trasformazione IT. Questo consente di razionalizzare le applicazioni, ridurre i costi e garantire una maggiore flessibilità operativa.

Gestione dell’obsolescenza tecnologica: L’APM aiuta a identificare e gestire l’obsolescenza delle tecnologie, collegandosi a librerie esterne per informazioni aggiornate sui cicli di vita. Questo permette alle aziende di ridurre i costi e garantire che i progetti utilizzino tecnologie conformi agli standard.

Pianificazione della trasformazione IT: L’APM supporta la pianificazione delle evoluzioni IT, basandosi sui cicli di vita delle applicazioni e le ipotesi di costo. Per realizzare queste simulazioni viene creato un mix di iniziative basate su ipotesi diverse, come l’estensione o l’eliminazione graduale di un’applicazione in diversi scenari, analizzandone l’impatto sui loro sistemi IT. Questo processo aiuta i dipartimenti IT a focalizzarsi sull’innovazione e a destinare risorse ai nuovi progetti.

Supporto all’esternalizzazione e conformità: Prima di esternalizzare parte del suo IT, un’organizzazione può avvalersi dell’APM per eseguire un inventario completo delle sue risorse. Poter snellire gli audit o le certificazioni IT costituisce sicuramente un vantaggio. Le società di consulenza esterne o le organizzazioni governative raccomandano alle aziende di monitorare correttamente i propri beni IT, e un tool APM permette alle organizzazioni di sostenere più efficacemente la roadmap IT, o, ad esempio, di ridurre l’allocazione di capitale per coprirne il rischio.

L’Application Portfolio Management non è solo uno strumento, ma una vera e propria metodologia per le aziende moderne. Offre un mezzo efficiente per organizzare, gestire e aggiornare le applicazioni, riducendo la complessità e i costi. Allo stesso tempo, consente alle aziende di rimanere al passo con le innovazioni tecnologiche e migliorare le prestazioni operative.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

LEGGI ANCHE

Gli ultimi articoli

Iscriviti alla newsletter di bizzIT

OGNI 15 GIORNI, nella tua posta elettronica, il resoconto delle notizie dedicate al mondo ICT B2B e al CANALE, con approfondimenti tecnici, editoriali e interviste.