Oracle: AI generativa e tecnologie aperte

A pochi giorni dalla chiusura dell’Oracle CloudWorld 2023, che quest’anno si è tenuto a Las Vegas dal 18 al 21 settembre, la filiale italiana del colosso tecnologico ha fatto il punto sulle novità presentate, e sulle conseguenze del rafforzamento della partnership con Microsoft

Durante l’Oracle CloudWorld 2023, che quest’anno si è tenuto a Las Vegas dal 18 al 21 settembre, la multinazionale ha annunciato importanti partnership e soluzioni tecnologiche a partner e clienti. Prima dell’appuntamento di Las Vegas era stato annunciato il rafforzamento della partnership siglata con Microsoft e già avviata nel 2019. Grazie a questo accordo in pratica si offre accesso diretto ai servizi di database Oracle disponibili su Oracle Cloud Infrastructure (OCI) nei data center di Microsoft Azure.

Per approfondire i temi emersi durante l’Oracle CloudWorld 2023, la filiale italiana ha organizzato un evento nella sede Milano che ha avuto come protagonisti Andrea Sinopoli, VP e Cloud Technology Country Leader, e Giovanni Ravasio, VP & Country Leader Cloud Applications che hanno spiegato quali sono le innovazioni introdotte da Oracle che integrando intelligenza artificiale generativa B2B e machine learning possono essere un reale supporto a imprese e organizzazioni. E quali sono gli sviluppi delle tecnologie e delle applicazioni orizzontali e verticali di Oracle per supportare il cloud journey di aziende e pubblica amministrazione.

Un segnale al mercato

Sul nuovo accordo tra Oracle e Microsoft, Andrea Sinopoli ha sottolineato che: “Con l’affermarsi di strumenti di intelligenza artificiale generativa e la crescente domanda dei nostri clienti di essere sempre più al passo con questi tool molto performanti, sta emergendo l’esigenza di cancellare la latenza nei processi o comunque di ridurla al minimo. E il fatto che il nostro database sia stato riconosciuto da Microsoft come lo stato dell’arte delle tecnologie database all’interno del ‘market of cloud’ fa sì che queste latenze vengano ridotte a zero e che quindi permettono di utilizzare ancora di più algoritmi di intelligenza artificiale generativa senza rallentamenti”.

Ma non solo. L’accordo tra i due colossi della tecnologia lancia anche un messaggio al mercato, come ha precisato ancora Sinopoli: “Questa partnership sottolinea la volontà di Oracle di proporre tecnologie aperte. Non è un caso che il nostro database sia sempre stato “open”, a prescindere dalle piattaforme e dai sistemi operativi nei quali viene utilizzato. Lo sviluppo del settore deve passare per sistemi aperti, solo in questo modo è possibile combinare servizi differenti con differenti cloud e accelerare i processi di digitalizzazione”.

Risposte veloci e flessibili per le diverse industry

Sul fronte dell’intelligenza artificiale generativa, Giovanni Ravasio ha sottolineato: “Grazie all’utilizzo dell’AI generativa non creiamo più solo dei contenuti, ma siamo in grado di sviluppare applicativi generando il codice senza più doverlo scrivere fisicamente, e visto che il modello utilizzato per generare i codici ha intrinsecamente tutta la parte di security, le applicazioni che si andranno a creare saranno automaticamente più sicure, e allo stesso tempo si avrà un abbattimento dei costi e dei tempi di sviluppo”.

Questo è uno dei motivi per cui Oracle è stata in grado mettere a disposizione 50 nuove funzionalità in ambito applicativo basate su AI generativa. Tutte suite che attraverso un motore intelligente di Oracle, sono in grado di offrire suggerimenti e opzioni pre-impostate per svariati settori e applicazioni come ad esempio HR, Erp, Supply Chain e CX…, grazie alle quali accelerare e automatizzare processi e procedure che richiederebbero tempi di intervento più lunghi e un maggiore impiego di risorse. “Ad esempio – spiega ancora Giovanni Ravasio -, se nell’ambito delle supply chain, si ha la necessità di introdurre nuove referenze a listino, grazie alle nostre funzionalità con AI generativa è possibile beneficiare di suggerimenti relativi alla descrizione del prodotto senza dover reinserire manualmente tutte le informazioni”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

LEGGI ANCHE

Gli ultimi articoli