Acronis semplifica il lavoro degli MSP con una soluzione XDR

La nuova proposta Extended Detection & Response si integra in modo nativo con la piattaforma di sicurezza di Acronis ed è progettata in modo specifico per consentire agli MSP di poter offrire soluzioni di facile gestione e personalizzate

Acronis prosegue nella strategia di cyber security basata sul concetto di piattaforma di sicurezza includendo nella propria offerta una soluzione di Extended Detection & Response (XDR). L’obiettivo è di ampliare l’attuale proposta di Endpoint Detection & Response (EDR) con una soluzione di cyber security totale, specificamente progettata per i Managed Service Provider (MSP) che si integri nativamente nella piattaforma EDR e che includa protezione dati, gestione degli endpoint e ripristino automatico. L’idea di Acronis è di affiancare il nuovo XDR all’MDR lanciato a inizio anno per consentire agli MSP di proporre un servizio completo, semplice ed efficace per la sicurezza.

Una solida protezione

Scopo di XDR è garantire una solida protezione contro tutte le minacce informatiche note e sconosciute, cercando di evitare che gli utenti e le organizzazioni siano vittima degli attacchi dei criminali informatici. A tal fine, XDR agisce raccogliendo dati da diversi strumenti dello stack tecnologico di sicurezza di un’organizzazione per creare un contesto più ampio con tutte le informazioni necessarie ai team di security per eseguire più rapidamente la detection, l’investigation e la response alle minacce.

Soluzione in continua evoluzione e aggiornamento, XDR include tra le caratteristiche principali il rilevamento degli incidenti di sicurezza, l’automazione delle capacità di risposta e l’integrazione dei dati di intelligence e telemetria provenienti da più fonti con l’analisi della sicurezza per correlare e contestualizzare gli eventi e gli avvisi di sicurezza.

Acronis semplifica il lavoro degli MSP con una soluzione XDR, Acronis semplifica il lavoro degli MSP con una soluzione XDR
Gaidar Magdanurov, presidente di Acronis

Se si vuole fornire una sicurezza efficace, è necessario avere una proposta completa – afferma Gaidar Magdanurov, presidente di Acronis –. Partendo dalle nostre tecnologie di sicurezza, abbiamo creato la piattaforma EDR. E su tale piattaforma abbiamo realizzato diversi servizi. Abbiamo quindi costruito strumenti di sicurezza, di protezione delle e-mail e di integrazione con altri tool. XDR è il più recente tassello della piattaforma, ma non l’ultimo”.

La roadmap di Acronis prevede infatti altri annunci che arriveranno antro l’anno e in cui l’impiego dell’intelligenza artificiale avrà un ruolo da protagonista per affrontare attacchi sempre più sofisticati sferrati verso aziende sempre più vulnerabili alle violazioni dei dati e ai malware.

Massima libertà di scelta

Per salvaguardare i propri clienti, il Presidente di Acronis sostiene che le possibilità di scelta per gli MSP che erogano servizi di sicurezza solitamente prevedono strumenti complessi, che offrono una protezione insufficiente e incompleta e richiedono processi di distribuzione e gestione lunghi e costosi. E XDR è pensato proprio per agevolare gli MSP a rispondere a queste sfide perché prevede un unico agente e una sola console per tutti i servizi. “L’efficienza dell’MSP è un fattore fondamentale – aggiunge Magdanurov – per questo abbiamo costruito un’unica soluzione che eviti di amministrare molteplici agenti e policy”.

Inoltre, XDR è parte della piattaforma di sicurezza Acronis, che offre tutti gli strumenti necessari per ottenere uno stack tecnologico unificato. “Il nostro obiettivo è dare agli MSP la flessibilità necessaria affinché ciascun partner possa scegliere cosa utilizzare. Può essere solo il backup, solo la sicurezza o solo il codice. È completamente flessibile. Non è necessario acquistare tutte le funzionalità per ogni carico di lavoro. È possibile scegliere funzionalità specifiche per impieghi specifici. Ovviamente, è previsto anche il multi tenancy. E i prezzi e le licenze si basano sui consumi effettivi”.

Acronis a fianco dei partner

Acronis semplifica il lavoro degli MSP con una soluzione XDR, Acronis semplifica il lavoro degli MSP con una soluzione XDR
Katia Ivanova, chief revenue officer di Acronis

Il ruolo strategico dei partner è ulteriormente enfatizzato da Katia Ivanova, chief revenue officer di Acronis che precisa: “Il nostro business è basato totalmente sul canale e stiamo investendo molto in tecnologie e persone affinché gli MSP possano disporre di una piattaforma nativamente integrata in cui possano trovare tutte le funzioni di cui necessitano e anche di un servizio di assistenza efficace”.

L’assistenza a cui si riferisce Katia Ivanova non si limita però ai soli aspetti tecnici. Infatti, precisa, “oggi la maggior parte dei service provider è organizzata e gestita da tecnici. Si tratta, quindi, di persone con un forte background tecnologico, ma che hanno poca dimestichezza con le vendite e con il marketing. E questo crea difficoltà nel trovare clienti”. Acronis si propone di affiancare tali partner per facilitarli nella ricerca dei clienti, sia agendo in prima persona attraverso eventi congiunti sia mettendo a disposizione tutti gli strumenti promozionali o marketing necessari. “Un ruolo importante lo svolge il nostro portale – precisa Ivanova –. Ci abbiamo messo tre anni a realizzarlo: volevamo creare uno spazio che riunisse in modo efficace tutte le informazioni e gli strumenti che possono risultare utili ai partner e a cui si potesse accedere con un single sign on”.

Un elemento essenziale, la formazione

Acronis semplifica il lavoro degli MSP con una soluzione XDR, Acronis semplifica il lavoro degli MSP con una soluzione XDR
Denis Cassinerio, general manager South EMEA di Acronis

Un altro elemento che svolge un ruolo fondamentale nel supporto del canale, e che è stato al centro del Partner Day che si è svolto i giorni scorsi a Milano, è la formazione. “Il nostro modello di business è fortemente centrato sulla formazione dei nostri partner e nel tenerli sempre aggiornati sull’evoluzione della nostra piattaforma – sostiene Denis Cassinerio, general manager South EMEA di Acronis –. Abbiamo un ampio portafoglio di corsi gratuiti che sono erogati su base continua attraverso la nostra Academy. E danno risultati concreti. Tra chi li ha seguiti abbiamo registrato un’ottimizzazione delle risorse che si è tradotta in un aumento del 25% nell’ambito dei workload gestiti. C’è stato poi un risparmio di costi testimoniato da una diminuzione del 40% della gestione dei ticket e c’è stato anche un aumento delle vendite”.

Nel 2021, anno di inizio dell’erogazione dei corsi, sono stati 157 i partner che hanno ottenuto certificazioni con Acronis. Da allora il numero di partner che si iscrivono all’Academy aumenta di circa il 30-40% l’anno. “I corsi più richiesti sono quelli maggiormente  in linea con la nostra strategia e che trattano temi di cyber security, come per esempio l’EDR”, conclude Cassinerio.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

LEGGI ANCHE

Gli ultimi articoli