E-commerce: luci e ombre di un sistema in forte evoluzione

Pur essendo stabile a 33 milioni il numero di acquirenti, si prevede per fine anno un fatturato di 54 miliardi, con una crescita del 13% rispetto al 2022. Domina l’omnicanalità e chi compra tramite e-commerce vuole semplicità, velocità, efficienza e ampia scelta

Il numero di acquirenti online tra il 2022 e il 2023 non è cambiato, sono sempre 33 milioni. Una cifra, quella citata dal presidente di Netcomm, Roberto Liscia, durante il Netcomm Forum 2023 che sembra lasciar trasparire che l’e-commerce stia vivendo un momento di stasi. Invece, sta succedendo esattamente l’opposto: è un mercato molto effervescente che sta attraversando un periodo di grande transizione. “Il salto nella crescita tra i consumatori – ha commentato Liscia – c’è stato nel 2022 ed è stato del 6,7%. Ora il mercato si è stabilizzato e in futuro riprenderà ad aumentare”.

Un fatturato di 54 miliardi di euro

Tuttavia, nonostante la stabilizzazione del numero di acquirenti, l’Osservatorio eCommerce B2C Netcomm – Politecnico di Milano prevede che gli acquisti online cresceranno del 13% nel 2023 e dovrebbero raggiungere per fine anno i 54 miliardi di euro. “Cifra alla quale – ha precisato Valentina Pontiggia, Direttore dell’Osservatorio eCommercei prodotti dovrebbero contribuire per 35,2 miliardi di euro (+8% rispetto al 2022) e i servizi per 18,8 miliardi di euro (+22%). Tra i prodotti, i comparti più dinamici sono l’informatica, il beauty e l’abbigliamento che hanno incrementi più alti della media (circa +10%). Mentre il food fatica davvero tanto nel 2023 e dovrebbe chiudere l’anno a +1%. Tra i servizi, continua la crescita del settore turismo e trasporti (+27% rispetto al 2022) e ticketing per eventi.

Scelte sempre più consapevoli

L’e-commerce oggi è utilizzato da gran parte dei consumatori per fare scelte consapevoli e cercare il prezzo più conveniente. “Chi compra online – ha affermato Liscia – vuole semplicità, velocità, efficienza e ampia scelta. Non solo. Vuole anche avere spese ridotte e la possibilità di servizi e reso facilitato. C’è un’abitudine nel consumatore a una condizione estremamente facile e interessante”.

Da sottolineare, poi, che sempre più l’online orienta le scelte nei negozi fisici. Il 40% dei consumatori prima di fare un acquisto offline si interessa al prodotto online con percentuali elevatissime sulla parte elettronica e che, pur calando un po’, rimangono sempre molto alte per i prodotti per la persona e la casa.

A onor del vero, non è una novità che fisico e digitale stiano interagendo, sta succedendo da anni. Per questo, Netcomm ha creato un indice composto tra multicanalità e omnicanalità. “Tale indice ha avuto un balzo dal 2,9 del 2022 al 3,1 nel 2023 – ha evidenziato Liscia –. Ciò dimostra come la multicanalità si sita affermando come un modello sempre più presente all’interno del nostro mercato”.

Questo significa anche che è in atto una trasformazione molto forte che ha portato l’e-commerce a essere un sistema complesso e integrato dove non ci sono soltanto le vendite ma anche gli operatori di supporto al marketing, al customer service, ai pagamenti e alla logistica. Il settore allargato rappresenta 85 miliardi di fatturato e 400.000 occupati.

Le previsioni dicono che il 24% degli acquisti nel 2026 sarà fatto in maniera digitale, soprattutto tramite i marketplace e i social, che non saranno quindi più solo una piattaforma informativa. E il mezzo più usato sarà lo smartphone.

Ampliare i concetti di spazio e tempo

Un cambiamento molto forte a cui ci ha abituato il digitale – ha sottolineato Pontiggia – è che non è più il consumatore ad andare verso il prodotto ma è il prodotto che va verso il consumatore. Questo non vale solo per l’e-commerce, ma anche per tecnologie come metaverso AI, VR e AR che ampliano il concetto di spazio e tempo”. L’AI estende il concetto temporale della relazione lavorando sull’esperienza, mentre invece lo store virtuale l’AR la VR e il metaverso operano sull’espansione del concetto spaziale.

La sostenibilità è un valore ed è richiesta dal cliente – ha concluso Liscia –, ma al momento ci sono ombre sul fatto che il consumatore sia disponibile a pagare per averla integrata con il sistema di offerta”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

LEGGI ANCHE

Gli ultimi articoli