Le 10 tendenze del networking nel 2021

A poche settimane dalla fine del 2020, gli esperti di Juniper Networks anticipano le tendenze per il networking che caratterizzeranno il prossimo anno.

Alcune di queste si configureano come una diretta consegiuenza dell’impatto della pandemia, mentre altre sono la conseguenza di trand tecnologici e di marcato che interessanto l’Information Technology nel suo coimplesso.

  1. Contact tracing. Una tecnologia efficace per il tracciamento dei contatti giocherà un ruolo critico e sarà sicuramente una priorità per le molte aziende che hanno spostato al 2021 il rientro del personale in ufficio e che dovranno dedicare tempo e risorse per farlo in modo sicuro.
  2. Micro uffici distribuiti. A seguito della pandemia molte aziende preferiranno creare più uffici di piccole dimensioni, abbandonando i grandi campus. Questo avrà una ricaduta sulle SD-WAN (Software Defined Wide Area Network) la cui importaqnza crescerà per i dipartimenti IT, così come per le strategie aziendali e la pianificazione degli spazi. Per i team IT ciò comporterà anche una crescente enfasi sull’esperienza del dipendente/utente finale e il passaggio dal client al cloud.
  3. Aumento della spesa in apparati di rete. L’aumento di domanda di connettività ad alta velocità e di banda larga indotte dalla pandemia offre alle Telco l’opportunità di offrire servizi in bundle e gestire in modo coeso SD-WAN e servizi a valore aggiunto come, per esempio, il geomapping, per le aziende che stanno affrontando questo enorme cambio di paradigma.
  4. Convergenza tra networking e tecnologie di localizzazione. I volumi globali dell’e-commerce sono aumentati del 71% durante il lockdown e la pandemia ha accelerato di circa 5 anni i processi di trasformazione digitale delle aziende. Fin dalla comparsa del virus, la rapidità di implementazione del WiFi per i test drive-through è stata un elemento critico. Con il proseguire della pandemia, i pazienti e i clienti retail si aspettano di ricevere beni e servizi più rapidamente, senza compromettere la sicurezza. La tecnologia di geolocalizzazione sarà quindi molto importante per contribuire ad accelerare processi come la consegna al piano strada e altre offerte clicca & ritira.
  5. La visibilità sulla rete e le analytics. Molte applicazioni mission critical dipendono dalle performance della rete, anche quando i dipendenti lavorano da remoto. La visibilità e le analytics offrono ai team IT i dati necessari per ottimizzare la rete aziendale. Questo approccio data-driven permette allo staff IT di identificare proattivamente e risolvere rapidamente i problemi di performance della rete, assicurando la migliore esperienza possibile per l’utente finale.
  6. Moderne architetture cloud Ai fini della customer experience l’agilità della rete sarà più importante che mai e il solo modo per ottenerla è costruire la rete in un moderno ambiente cloud capace di pareggiare la velocità di innovazione del team responsabile della trasformazione digitale.
  7. Disponibilità del WiFi 6E Tra la fine del 2021 e l’inizio del 2022, il WiFi 6E, che aumenta lo spettro RF disponibile con l’aggiunta di 1GHz di spettro a 6GHz, sarà un abilitatore per la continua crescita di dispositivi IoT e mobili in tutti i mercati verticali. Con la maggiore disponibilità di spettro, sarà possibile eliminare i colli di bottiglia in cui la grande quantità di dispositivi creerebbe un eccesso di contese/collisioni: per esempio a causa di situazioni con traffico e chiamate su dispositivi mobili che utilizzano il WiFi all’interno degli edifici, la diffusione di dispositivi indossabili o l’uso intensivo delle videochiamate.
  8. Reti LTE private L’anno prossimo le reti LTE private nella banda dei 3,5GHz faranno la loro comparsa all’interno delle aziende, garantendo la disponibilità di connettività ubiquitaria e servizi affidabili a dipendenti, ospiti, clienti e dispositivi IoT.
  9. L’intelligenza artificiale applicata alle operation IT (AIOps) nel networking Con l’aumento dei lavoratori da remoto e le abitazioni che diventano micro uffici, l’anno prossimi assisteremo a uno sviluppo nell’uso dell’AI come base per erogare un’eccellente esperienza utente dal client al cloud e, allo stesso tempo, tenere sotto controllo il costo del supporto al personale remoto. AIOps rivoluzionerà il supporto al cliente: non saranno più gli utenti a sottoporre i ticket all’IT, ma sarà l’AI a identificare proattivamente gli utenti con problemi di connettività o di esperienza e a risolverli (la self driving network) o ad aprire un ticket fornendo all’IT suggerimenti per la soluzione.
  10. La formazione sarà un fattore chiave. L’esigenza di valutare e implementare soluzioni di intelligenza artificiale richiederà investimenti nella formazione dei responsabili IT affinché essi possano meglio capire come valutare e implementare questo tipo di soluzioni all’interno delle proprie organizzazioni.

 

Nessun commento

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.