lunedì 5 Dicembre 2022
7.8 C
Milano

Disparità di genere nella sicurezza italiana

Una ricerca di AIPSI fa il punto della situazione sulla disparità tra uomini e donne in un settore molto specifico come quello dei professionisti della sicurezza informatica

La disparità di genere è un problema che affligge ogni settore lavorativo. Non fa eccezione il mondo dei professionisti della sicurezza digitale in Italia che è un tema storicamente maschile.

Il tema è l’oggetto di un’indagine realizzata da AIPSI e a cura Andrea Bozzetti, Marco Bozzetti e Laura Rivella dal titolo  “Cyber Security Women Italy (CSWI) – Il lavoro femminile nella sicurezza digitale in Italia” che ha interpellato 468 professioniste che, a vario titolo, si occupano per lavoro di sicurezza digitale: operano in aziende private e pubbliche sia lato domanda cybersecurity che lato offerta, nella formazione in ambito universitario e non, e come libere professioniste (9,2%). Il 13,8% è una imprenditrice, tipicamente di aziende dell’offerta di sicurezza digitale e l’8% opera in società di consulenza.

Le rispondenti all’indagine sono prevalentemente adulte e senior: il 78,2% ha più di 35 anni e il 21,8% ha tra 18 e 34 anni.  Il livello di istruzione delle rispondenti è alto: più dei due terzi delle rispondenti hanno conseguito la laurea, e di queste solo il 9,3% ha una laurea triennale. Le non laureate sono il 28% delle rispondenti. La grande maggioranza, 67,1% ha conseguito una laurea di tipo tecnico scientifico.

Essere donna nella Cybersecurity

Un tema analizzato è se essere donna, nell’ambito della cybersecurity, è ritenuto dalle rispondenti un fattore negativo oppure no.

Solo il 2,6% ritiene l’essere donna un aspetto favorevole per lavorare in questo campo.

La maggioranza delle rispondenti, il 57,1%, ritiene che l’essere donna sia del tutto indifferente.

Il 22,1% lo giudica un elemento sfavorevole e una percentuale di poco inferiore, dichiara di non essere in grado di valutarlo, sulla base della propria esperienza sul campo.

La fascia di età 35-44 è quella che percentualmente più “soffre” nell’essere donna: è la fascia in cui la maggior parte delle donne è sposata, ha figli che vuole accudire, è a un livello di maturità e di responsabilità professionale per le quale si attenderebbe dei riconoscimenti, di carriera o economici.

disparità di genere, Disparità di genere nella sicurezza italiana

Conciliare le esigenze di tempo professionali e personali

Un aspetto assai importante nell’attività lavorativa è il poter ben conciliare le esigenze di tempo per l’attività professionale con quelle per la propria persona e per la propria famiglia.

Questa conciliazione è particolarmente critica per una donna, in qualsiasi tipo e ruolo lavorativo, e soprattutto per ruoli ad alta professionalità e/o dirigenziali. Conciliazione necessaria anche per le attività di sicurezza digitale, tema in rapida e continua evoluzione, e per il quale solo il 50% può operarvi a tempio pieno.

L’altra metà delle professioniste deve condividere, e ben bilanciare, le attività di cybersecurity con altre attività lavorative.

Il 23,5% delle rispondenti ha dichiarato di avere, al momento, problemi nel bilanciare e conciliare attività lavorativa e attività personale e per la famiglia.

Considerando che questo problema è uno dei principali fattori del divario di genere, si tratta tutto sommato di una percentuale inferiore al previsto.

Sono soprattutto le rispondenti nella fascia 18-34 anni che non hanno problemi nel conciliare e quelle con età superiore a 55 anni, mentre qualche problema al momento esiste nella fascia 35-54 anni.

Tra le motivazioni per queste difficoltà: la mancanza di un team di lavoro supportivo e collaborativo, la disponibilità di tempo per seguire la famiglia, la difficoltà di svolgere almeno alcune attività di cybersecurity da remoto, la frequente necessità di operare in trasferta e l’esigenza di ritagliarsi tempo per la formazione personale constante necessaria nel campo della cybersecurity.

La disparità retributiva

Il divario retributivo è uno dei temi centrali nella disparità di genere e ha trovato riscontro anche in questa indagine.

L’indagine conferma che le donne tendono a essere pagate meno degli uomini, ma evidenzia una percezione meno critica del divario di genere.

Il 34,2% delle rispondenti ritiene di essere remunerata meno dei colleghi uomini, a parità di fattori quali ruolo, responsabilità, anzianità lavorativa, competenze e così via, mentre solo il 3,9% reputa di essere pagata di più rispetto agli uomini (le professioniste che ritengono di essere pagate di più si concentrano nelle fasce d’età tra 25 e 54 anni).

Un quarto delle rispondenti ritiene di essere pagata sostanzialmente allo stesso modo degli uomini.

La percentuale maggiore delle rispondenti, (36,8 %) dichiara di non sapere se sia pagata più o meno rispetto a colleghi; si tratta di un dato ragionevole considerando la difficoltà nel conoscere le retribuzioni dei colleghi e di riuscire a confrontare livelli retributivi a parità di ruolo, competenze ed età nel campo della sicurezza digitale, così articolato, trasversale e interdisciplinare.

All’aumentare del livello di istruzione cresce la retribuzione oraria per uomini e donne, ma aumenta ulteriormente lo svantaggio retributivo per le donne.

disparità di genere, Disparità di genere nella sicurezza italiana

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

LEGGI ANCHE

Gli ultimi articoli