L’intelligenza artificiale (AI) viene utilizzata sempre più frequentemente in ambito commerciale e per il servizio clienti.

A questo tema si indirizza una ricerca condotta da Forrester Consulting per conto di Amdocs, azienda specializzata nella fornitura e nello sviluppo di servizi e soluzioni software per l’ottimizzazione della customer experience.

La ricerca è stata condotta in Italia tra consumatori e senior decision maker di service provider.  Sono state coinvolte 517 persone, con un mix bilanciato di uomini e donne ed executive di due service provider in ambito media e comunicazione italiani.

L’indagine ha investigato le modalità con cui gli utenti vogliono essere assistiti da robot software e chatbot e ha, inoltre, coinvolto un panel di decisori sulla spesa in ambito AI delle principali aziende italiane di comunicazione e media.

I risultati mostrano che i piani per un’ascesa dei robot in prima linea nelle interazioni con i consumatori possono essere ostacolati da scelte di investimento sbagliate.

I consumatori evidenziano di non volere avere un’interazione troppo intensa con i sistemi automatizzati. Il 31% dei consumatori italiani interagisce con agenti virtuali almeno una volta a settimana perché è più comodo (38%) e veloce (38%), ma il 45% confessa di farlo solo perché non ha alternative e preferirebbe, se ne avesse la possibilità, parlare con un essere umano (79%) per la sua capacità di gestire richieste più complesse.

Gentili, seri, simpatici e femmina

Le idee su come dovrebbero essere e comportarsi i bot sembrano invece molto chiare.

Il 41% vorrebbe il proprio bot più simile a un umano, contrapposto a un 24% che vorrebbe avesse le fattezze di un avatar. Sebbene quasi la metà dei rispondenti (45%) non esprima preferenze di sorta, il 35% afferma che preferirebbe avesse tratti femminili piuttosto che maschili (20%).

Le caratteristiche più apprezzate di un bot sono, nell’ordine, la gentilezza, l’attenzione e la serietà, seguiti dalla simpatia e dall’intelligenza.

Esprimere autorevolezza o piuttosto avere un accento straniero rappresentano invece gli attributi che meno interessano ai consumatori.

“I consumatori hanno le idee chiare su come vogliono essere serviti dai bot – ha dichiarato Gary Miles, general manager di Amdocs – probabilmente più dell’industria stessa. La loro frustrazione derivante dagli attuali bot sta crescendo e molti affermano di essere pronti a cambiare fornitore se il livello di servizio non migliorerà”.

Funny clown woman, female
© Kevkhiev Yury | Dreamstime Stock Photos

La miopia dei service provider

E’ opinione comune dei decisori in ambito AI dei service provider che entro cionque anni l’85% delle interazioni con i clienti avverrà con robot software.

Tuttavia, l’indagine evidenza come gli investimenti dei service provider non siano focalizzati a risolvere le problematiche espresse dagli utenti.

Le priorità di investimento nell’AI si indirizzano verso il miglioramento della sicurezza delle informazioni, la privacy e la velocità di risposta, mentre poco si fa per una migliore personalizzazione degli output e per fornire informazioni più complete.

Sono, per esempio, impegnati a rendere i bot educati ma non si stanno preoccupando di renderli premurosi o divertenti, elementi che i consumatori indicano rispettivamente al secondo e al quarto posto delle loro priorità.

Un risultato a sorpresa è che, contrariamente all’opinione comune, nessuno dei service provider coinvolti nell’indagine sta guardando all’intelligenza artificiale per sostituire il personale che si occupa dell’assistenza ai clienti o per sostituire persone all’interno dell’azienda.

 

 

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.