Reputation e cybersecurity: come cambiano le priorità delle aziende

Fino a qualche anno fa le aree di maggiore intervento da parte delle società investigative erano i furti interni, l’infedeltà del personale e la concorrenza sleale. Oggi, cresce la preoccupazione per la reputazione aziendale e la sicurezza informatica. Scenari competitivi sempre più globali, spinta alla digitalizzazione e crescita del remote working hanno reso prioritarie la verifica delle informazioni (su personale da assumere, futuri fornitori e partner) e la cyber security.

Le principali preoccupazioni delle aziende, tradizionalmente incentrate su problematiche quali furti interni, infedeltà dei dipendenti e concorrenza sleale, hanno subito un’evoluzione significativa a seguito della digitalizzazione globale. Questo cambiamento ha introdotto nuove sfide emergenti, con la cybersecurity che emerge come priorità. La transizione verso il lavoro da remoto e l’incorporazione di tecnologie digitali hanno reso la sicurezza informatica un aspetto cruciale, posizionandola in cima alle esigenze aziendali.

Recenti dati ISTAT evidenziano come quasi la metà delle grandi imprese abbia adottato polizze assicurative specifiche per tutelarsi da incidenti informatici, riflettendo l’aumentata consapevolezza verso questi rischi. L’avanzamento tecnologico ha, infatti, amplificato la vulnerabilità alle minacce cyber, con un numero di attacchi informatici in Italia che ha raggiunto i 2.200 casi nel 2023, un incremento notevole rispetto ai 450 episodi registrati tre anni fa. Settori come l’amministrazione pubblica e il finanziario sono stati particolarmente colpiti, come segnalato da Exprivia.

In questo contesto, le verifiche preliminari sul personale, sui fornitori e sui potenziali partner, insieme alla protezione contro i rischi informatici, rappresentano secondo Excursus Group, una società italiana specializzata in Business Intelligence, le esigenze più pressanti per le aziende. La crescente enfasi sulla cybersecurity testimonia l’importanza di adottare misure preventive e strategie di difesa adeguate per navigare con sicurezza nel panorama digitale attuale.

Per questo Excursus Group, nata nel 2017 a Salerno come società di investigazioni aziendali classiche e sicurezza, ha deciso fin da subito di organizzarsi con una divisione dedicata alla Cyber & Digital Intelligence con lo scopo di individuare reati informatici e illeciti commerciali, di tutelare la privacy, di misurare l’attaccabilità di un sistema informatico, di prevenire gli attacchi, di formare il personale all’autodifesa dall’estorsione di informazioni sensibili.

Reputation e cybersecurity: come cambiano le priorità delle aziende, Reputation e cybersecurity: come cambiano le priorità delle aziende
Giuseppe Strollo, ceo e fondatore Excursus Group

Per testare la tenuta dei propri sistemi ad eventuali attacchi, è necessario simularli: «in alcuni casispiega il CEO di Excursus Group Giuseppe Strolloci trasformiamo in hacker etici, simulando un attacco informatico all’azienda del cliente». Sempre la digitalizzazione ci porta a lasciare continue tracce informatiche di eventuali illeciti: «la nostra divisione Cyber Digital Forensics opera nell’Intelligence delle minacce informatichecontinua StrolloAbbiamo un software aziendale in grado anche di ricostruire i dati cancellati dai computer».

Sul servizio di verifica delle informazioni, ciò che spinge le aziende a richiedere l’intervento non è solo la tutela della sicurezza come in passato, ma anche la necessità di proteggere la reputazione, un valore prezioso e intangibile, connesso ai comportamenti dell’azienda in quanto comunità di persone. Per questo il servizio di verifica delle informazioni sta diventando sempre più strategico. «I nostri specialisti sono chiamati a verificare, ad esempio, la veridicità delle informazioni fornite dai fornitori (a garanzia della filiera e dei requisiti necessari per le certificazioni o la soddisfazione dei criteri ESG) o la condotta di nuovi manager, figure apicali da assumere, soci».

 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

LEGGI ANCHE

Gli ultimi articoli