Pure Storage: flash array, cybersecurity e tecnologia

Nel recovery importa come lo fai in pratica, in situazioni reali con tanti dati e centinaia di applicazioni. Con un occhio all’ambiente

Siamo gli unici a vedere lo storage come tecnologia, non come commodity”, ha detto Charles Giancarlo, amministratore delegato di Pure Storage, in un video d’introduzione alla conferenza Pure//Accelerate 2023, tenutasi a Roma. L’azienda, il cui fatturato di 3B$ frutto di una crescita di 60 volte nei 12 anni di vita, punta molto sulla tecnologia, su una formula in abbonamento e sull’attenzione all’ambiente. Pure Storage, che opera nel settore dello storage as-a-Service (STaaS), ha recentemente annunciato -tra l’altro- una significativa espansione del suo portafoglio Evergreen, introducendo servizi rivoluzionari che comprendono i costi di alimentazione e spazio rack per i suoi clienti. 

Cybersecurity: lo storage è al centro

“È facile ottenere fondi dal tuo consiglio di amministrazione una volta che sei stato attaccato, ma prima non è molto facile”. Alex McMullan, il CTO di Pure Storage, ha presentato la situazione mondiale e contemporaneamente quella dell’azienda che rappresenta e i cyberattacchi sono un buon punto di partenza. “Il ripristino è fondamentale: abbiamo lavorato con alcune delle organizzazioni più grandi al mondo che hanno subito attacchi ransomware o alla supply chain”.

Non si tratta solo di usare la crittografia, che è uno strumento semplice oggi alla portata di tutti.  Il vero problema è il recupero delle applicazioni. Farne uno è semplice, ma recuperarne mille in un fine settimana, è complicato. È qui che conta avere un’architettura resiliente.

Oggi, le sfide sono tante: certo la supply chain e il ransomware, ma anche l’ambiente. E bisogna fare attenzione alle legislazioni promulgate dall’Ue, dal Regno Unito, Singapore, Australia…

Ora tutti accettano che è solo questione di tempo prima che si verifichi un evento che infrange la sicurezza informatica. È il modo in cui ci si riprende da quell’evento che fa la differenza. Pure Storage non è un fornitore di sicurezza in sé, ma svariate scelte come l’immutabilità delle copie o alcune fasi crittografiche, gestite insieme a supporto decisionale basato dall’AI su snapshot agili e dettagliate fanno di questi sistemi una proposta di fascia alta.

FlashArray, innovazione e prestazioni… Evergreen

Se dovessimo riassumere l’attività di Pure Storage in tre espressioni, la scelta cadrebbe su DirectFlash, Data Reduction ed Evergreen

“La filosofia dell’azienda si concentra sull’innovazione e l’efficienza, raggiunte attraverso l’evoluzione della tecnologia flash, dalle SSD alle tecnologie più avanzate, equilibrando i costi elevati iniziali con una riduzione dei costi per terabyte”, ha riassunto Piero Gramenzi, Manager, system engineer, nel presentare l’offerta attuale. I prodotti comprendono FlashArray per block e file storage e FlashBlade per network storage, con recenti aggiornamenti che aumentano la capacità di archiviazione. Inoltre “la collaborazione con Cisco ha portato alla famiglia di soluzioni FlashStack, mentre gli avanzamenti tecnologici hanno introdotto l’uso di NVMe e funzionalità anti-ransomware”. 

La serie R4 di FlashArray rappresenta un salto qualitativo, offrendo un aumento del 40% nelle prestazioni e una capacità di 3 petabyte, con una compressione dei dati superiore del 35%. La serie B, invece, è la soluzione perfetta per l’archiviazione di grandi quantità di dati a lungo termine, grazie alla sua elevata capacità.

Oltre all’hardware, l’azienda fornisce servizi cloud e un modello di pagamento on-demand. “L’approccio Evergreen elimina l’obsolescenza, garantendo aggiornamenti triennali e un eccellente servizio clienti”. “è una pietra miliare che distingue la nostra offerta”, gli ha fatto eco Remko Deenik, Principal Technology Strategist “permette ai clienti di investire in sistemi che non diventano obsoleti, eliminando la necessità di costose migrazioni e garantendo aggiornamenti regolari e supporto di alto livello, per un investimento sicuro nel lungo termine”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

LEGGI ANCHE

Gli ultimi articoli