Lo STaaS ben fatto rivoluziona la gestione dei dati

Condividi

Il 60% delle aziende che perdono i dati chiude entro sei mesi, ma il 90% dei dati non viene più letto dopo 90 giorni dalla loro archiviazione. Partendo da queste apodittiche affermazioni, si può inferire che la gestione tradizionale dei dati è uno dei principali motivi di insuccesso aziendale.

La crescita del volume dei dati sta creando un’urgente necessità di nuovi processi, basati su soluzioni di storage scalabili e affidabili. Questa espansione porta rischi significativi, inclusi attacchi di ransomware, perdite di dati e interruzioni operative, con statistiche allarmanti come un nuovo attacco di ransomware ogni 14 secondi. Le soluzioni obsolete aumentano questi pericoli, accentuando l’importanza di strategie di gestione dei dati avanzate e affidabili.

Le informazioni che abbiamo riportato nelle prime righe provengono da un white paper di Lenovo e Veeam. Svariati casi di studio, inoltre, dimostrano i benefici dell’adozione di tecnologie avanzate: l’infrastruttura cloud ibrida migliora la protezione e il recupero dei dati, mentre specifiche soluzioni per il ransomware riducono i tempi di inattività e i costi. Potrebbe essere il caso d’integrare tutte le soluzioni a partire dalla stessa base.

L’innovazione richiede un po’ di rischio

In periodi di forte rivoluzione tecnologica, l’innovazione deve chiedere alla sperimentazione come rimanere competitivi e efficienti. Siamo abituati a pensare ai sistemi di storage come una componente economica e poco rilevante nelle strategie, ma forse non è così.

L’integrazione dello storage con servizi cloud amplia le capacità di gestione dei dati. L’impatto aziendale di queste tecnologie include operatività migliorata, riduzione dei costi e un ROI aumentato fino al 250%, come evidenziato da studi IDC (IDC Enterprise Storage Systems Tracker, Q3 2022; IDC Quarterly Enterprise Storage Systems Tracker, 2023Q).

Negli ultimi tempi, proprio lo storage sembra indicare una possibile strada verso una sperimentazione decisamente innovativa.

Partiamo dallo STaaS

In particolare, lo Storage-as-a-Service sta emergendo -anzi, è già emerso- come una soluzione efficiente, offrendo personalizzazione, pagamento per l’uso e minimizzazione dei rischi. Pure Storage, azienda che innova intorno allo stato solido, è forse l’azienda che meglio ha elevato lo status dello storage da commodity a tecnologia.

Ormai sappiamo che i dati sono oggi il fulcro di molti ingranaggi tecnologici: la sicurezza, la gestione e la compliance. Ecco perché se questi problemi non vengono identificati e seguiti fin dalla fase di memorizzazione, l’azienda si trova con un debito tecnologico “nascosto” che prima o poi sarà costretta a pagare.

Insomma, se l’architettura dati non prevede fin dall’inizio primitive che evitino che l’azienda attaccata chiuda, il danno sarà enorme indipendentemente da qualsiasi procedura di disaster recovery successivo. Se costi e sostenibilità dei dati non sono chiari nell’architettura e nel contratto, quale siano la durata o la posizione (cloud o on-premises), prima o poi i dati diventeranno fisicamente, energeticamente o economicamente inaccessibili.

Infine, se la grana di accesso ai dati non può andare in profondità, prima o poi una o più normative, o la collisione di alcune di loro, renderà giuridicamente inaccessibile l’essenza dell’attività aziendale.

Insomma, possiamo dire che nell’Era dei dati la scelta migliore è progettare i sistemi a partire dallo storage?

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Leo Sorge
Leo Sorge
Leo Sorge è laureato in ingegneria elettronica, ma ha preferito divulgare scienze e tecnologie reali o presunte. Ritiene che lo studio e l’applicazione vadano separate dai risultati attesi, e che l’ambizione sia il rifugio dei falliti. Ha collaborato a molte riviste di divulgazione, alle volte dirigendole. Ha collaborato a molti libri, tra i quali The Accidental Engineer (Lulu 2017), Lavoro contro futuro (Ultra 2020) e Internetworking (Future Fiction 2022). Copia spesso battute altrui, come quella sull’ambizione e anche l’altra per cui il business plan e la singolarità sono interessanti, ma come spunti di science fiction.

Altri Editoriali

Vuoi vendere? Vienimi più vicino (CLOSER)

Ho avuto recentemente modo di approfondire il sales framework...

Gen AI al lavoro su allucinazioni e nuovi chip

Recentemente mi sono trovato a un incontro di grande...

Professioni digitali per donne e uomini nuovi

Sempre più interessanti si prospettano gli scenari futuri legati...

Il lavoro è ancora una priorità?

Siamo fuori ormai da un po’ dal lockdown e...

AI generativa: ora che c’è, come dobbiamo usarla?

L’ascesa dell’Intelligenza Artificiale generativa rappresenta uno dei momenti di...

Agenti e programmatori per i superpod dell’AI

L’architettura dei data center per l’AI richiede che chip...